Ambiente Montessori: come organizzare il luogo in cui si impara

Secondo Maria Montessori, l’ambiente può essere “maestro” quando l’adulto lo organizza alla luce dei bisogni profondi del bambino.
Sarà “la voce delle cose” a indicarne intuitivamente l’utilizzo, ad attirare l’interesse, a sostenere la concentrazione, senza la necessità che l’adulto si faccia ingombrante nel processo di apprendimento dei ragazzi.

Descrizione

Presentazione e obiettivi: Secondo Maria Montessori, l’ambiente può essere “maestro” quando l’adulto lo organizza alla luce dei bisogni profondi del bambino.
Sarà “la voce delle cose” a indicarne intuitivamente l’utilizzo, ad attirare l’interesse, a sostenere la concentrazione, senza la necessità che l’adulto si faccia ingombrante nel processo di apprendimento dei ragazzi.
Questo elemento è indispensabile ad un’educazione basata sul rispetto e sulla massima evoluzione del potenziale umano.
Durante il corso, verranno fornite indicazioni teorico -pratiche utili all’organizzazione dell’ambiente che ospita l’apprendimento dei bambini.
Programma: I partecipanti, attraverso contributi teorici, simulazioni, esercitazioni, approfondiranno i seguenti temi:
– teoria del flow
– osservazione del bambino in relazione all’ambiente
– ambiente regolato e regole
– arredo
Attività proposte
– i vassoi montessoriani
– importanza della “vita pratica”

Informazioni aggiuntive

A chi è rivolto

Insegnanti, educatori, genitori

Docenti

Annalisa Schirato, consulente Montessori a casa e a scuola, formatrice, counselor relazionale maieutica.

Modalità di verifica

form di soddisfazione e autovalutazione, una a conclusione del corso e una a distanza di due mesi

LIVELLO FORMATIVO

livello 2

ORE FORMAZIONE

16